Seleziona una pagina

Chi sono

Mi chiamo Elena La Rocca, sono nata a Venezia e sono un funzionario della Regione Veneto. Nel 2012 ho iniziato l’attività politica con il Movimento 5 Stelle e nel 2015 sono stata eletta Consigliere nel Comune di Venezia.

Uno sguardo al mio passato

I miei genitori sono insegnanti in pensione e mio fratello ha una piccola attività commerciale. Ho altri fratelli e sorelle acquisiti con successive unioni dei miei genitori. Ho iniziato gli studi al liceo trascorrendo il quarto anno scolastico in Norvegia con un programma di ospitalità in famiglia (Intercultura).

Lavoro da sempre. Ho iniziato a 16 anni in una gelateria e ho fatto un po’ di tutto: lavapiatti, aiuto cuoco, barista, commessa, baby sitter, lezioni private, assistente di produzione cinematografica, montaggio video, tecnico del suono, riprese video.

Sono stata in Africa occidentale, alla quale mi sono appassionata in modo particolare. Dalla facoltà di Scienze Politiche di Firenze, mi sono spostata a Napoli, dove c’è un indirizzo specifico sull’Africa sub-sahariana e lì mi sono laureata a pieni voti. Nel 2002 ho vinto un assegno di ricerca del Ministero degli Esteri Marocchino e rimasta un anno in Marocco, tra Rabat, Casablanca e Ouarzazate.

dav

Nel 2004 ho incontrato il mio attuale compagno. Abbiamo avuto il nostro primo figlio, Emanuele e dopo alcuni anni Nico.

Dal 2012 lavoro stabilmente in Regione del Veneto e dallo stesso anno faccio attivismo. Nel 2015 sono stata eletta consigliera comunale a Venezia.

L’impegno e il lavoro

In comune ho lavorato intensamente per salvare i servizi educativi dai tagli selvaggi operati dalla giunta Brugnaro.

Insieme alle educatrici, ai genitori e ad altre forze di opposizione ho evitato il peggio, ottenendo la riassunzione di diverse educatrici e la salvaguardia di un minimo di qualità del servizio.

Ho fatto diverse proposte sul tema del telelavoro ed ho avuto la soddisfazione di vedere citate in giudizio, a favore di un lavoratore, alcune norme che avevo fatto inserire nel regolamento sull’organizzazione degli uffici.

Ho proposto la registrazione audio dei lavori delle commissioni consiliari e la sua pubblicazione sul sito del comune.

Questa proposta è stata accolta ed ora i cittadini possono seguire le commissioni consiliari anche a distanza e negli orari che preferiscono.

Ho chiesto e ottenuto dei parcheggi per la polizia penitenziaria, evitando così che in caso di chiamata urgente in reperibilità dovesse lasciare la macchina in divieto di sosta o che arrivasse troppo tardi perché in cerca di parcheggio.

Ho denunciato l’uso improprio da parte dell’amministrazione comunale di 17 milioni dei cittadini.

Si tratta di soldi chiesti in bolletta per fare determinati lavori, che non sono mai stati utilizzati in tal senso. Su questo ho depositato un esposto in procura e in corte dei conti.

Il futuro 

Sul fronte regionale ho in mente alcune urgenti azioni da fare subito ed in particolare:

Ripristinare l’uso di questa pianta di cui, negli anni ’30 l’Italia era una dei primi produttori nel mondo, può dare una svolta alla nostra economia e alla nostra salute

  • istituire il diritto d’accesso agli atti dei consiglieri regionali (ebbene si, in Regione non esiste!);
  • proporre lo Statuto delle Opposizioni;
  • promuovere lo sviluppo della filiera industriale della canapa, che penso sia un inizio per risolvere molti dei problemi che gravano sul nostro territorio.

La canapa è biodegradabile al 100% e può svolgere moltissime funzioni come, ad esempio:

  • sostituire interamente la plastica;
  • produrre tessuti per l’abbigliamento, per il settore nautico e per la produzione di reti che una volta consumate diventano mangime per i pesci;
  • si usa in edilizia con risultati sorprendenti dal punto di vista della qualità della costruzione e continua ad assorbire co2 anche quando è mescolata alla calce con un incredibile effetto di pulizia dell’aria;
  • bonifica i terreni assorbendo diversi metalli pesanti;
  • ha innumerevoli qualità curative e terapeutiche;
  • si usa nel settore alimentare;
  • si può usare come combustibile;

Puoi leggere in dettaglio tutte le mie attività e iniziative svolte finora nel mio blog personale: https://elenalarocca.it/