Seleziona una pagina

Il nostro corpo incamera le sostanze inquinanti attraverso l’aria, l’acqua e il cibo inquinati, ma non solo: purtroppo anche il latte materno è veicolo di sostanze nocive per i bimbi.

Negli anni ’90 emerse un dato agli occhi di alcuni ricercatori: le mamme veneziane, attraverso il loro latte, trasmettevano ai loro bambini il doppio delle diossine rispetto alle mamme romane* [Rapporto Finale del Programma Latte Umano dell’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con la AULSS di Venezia]. Sulla base di queste evidenze, nel 1998 il consorzio INCA Interuniversitario Nazionale propose al Comune di Venezia uno screening su un campione di mamme molto più ampio, al fine di avere dei dati molto più completi sul latte materno e sui danni che queste sostanze avrebbero creato alle future generazioni e il Comune decise di finanziarlo per tre anni. La ricerca si avviò, ma purtroppo non andò a termine e il Comune risolse il contratto con INCA, quindi ad oggi non disponiamo di questi dati.

A seguito della volontà di Veritas di triplicare la capacità dell’inceneritore di Fusina, nei pressi di un’area così popolata come la nostra e provata da un secolo di industrializzazione dissennata, questa questione torna prepotentemente alla ribalta. Io e Sara Visman, abbiamo presentato pochi giorni fa un’interrogazione alla giunta comunale, io credo che la popolazione abbia il diritto di sapere se il Comune intende procedere ad un’analisi della quantità di diossine nel latte materno. Adesso è importante più che mai: le nostre azioni di oggi si ripercuoteranno tra non molto sulla salute nostra e su quella dei nostri figli, quindi è importante muoverci adesso. La Convenzione UNECE sui registri delle emissioni e dei trasferimenti di sostanze inquinanti promuove proprio la partecipazione del pubblico ai processi decisionali in campo ambientale: come cittadini, abbiamo il diritto e il dovere di sollecitare simili iniziative. Ricordiamoci che l’inquinamento non è inevitabile e che insieme possiamo fare massa critica e influenzare attivamente le scelte che attentano alla nostra salute e a quella dei nostri figli!