Seleziona una pagina

Ecco come si comporta la stampa pur di mettere in cattiva luce il Movimento.

Dieci giorni fa circa, a Roma, alla Camera, sono stata avvicinata da una signorina che ha cominciato a farmi delle domande, alle quali non ho risposto.

Quando mi ha chiesto se avrei votato SI al referendum sull’autonomia, mentre mi allontanavo, ho dato una tipica risposta veneziana “I dise!” che ho anche tradotto “Così si dice” e l’ho salutata. Era una risposta scherzosa che educatamente stava a significare “Chi ti conosce?”.

La signorina infatti non si era nemmeno presentata.

Ora non si può attribuire ad una mancata volontà d’interloquire con una sconosciuta, una precisa posizione politica, come ha fatto strumentalmente il Messaggero.

Trovo che ciò sia vergognoso e totalmente strumentale, per questo chiedo delle scuse e un’immediata rettifica di quanto scritto in questo articolo.

La nostra posizione è, e rimane, quella di appoggiare le diverse forme di espressione politica della cittadinanza, per cui, nel momento in cui è previsto un referendum consultivo, invitiamo tutti i veneti ad andare a votare.

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/politica/referendum_autonomista_pentastellati_veneti_per_l_astensione-3312202.html

Ho inviato questa comunicazione agli indirizzi della redazione del Messaggero. Secondo voi saranno altrettanto celeri nel dare la smentita?